Nel settore forestale si rende necessario provvedere alla raccolta di tronchi e spostare la ramaglia e questo ha luogo in genere mediante l’uso di pinze per tronchi per escavatori.

Questo problema però sta attanagliando anche le città, a fronte degli ultimi uragani avvenuti nel mondo, la pulizia delle strade è diventata una priorità per permettere ai mezzi di primo soccorso e di sussistenza di poter circolare tranquillamente.

Eventi straordinari come gli ultimi uragani sembra che stiano prendendo sempre più piede nella nostra quotidianità, l’uomo ha dovuto quindi ingegnarsi per permettere alla civiltà di riprendere rapidamente il suo ritmo dopo una catastrofe.

Ha progettato quindi delle  pinze per escavatori e mini-escavatori, le quali sono attrezzature concepite per la movimentazione di materiale pesante, ingombrante che viene effettuata, in genere, con escavatori cingolati o gommati che lavorano con una pressione a volte superiore a 250 BAR.

Ecco che occorrono dunque pinze per tronchi davvero potenti.

Sì, ma come sceglierle? Passiamo in rassegna qualche tipologia affidandoci ai consigli di Idrobenne.com.

Pinze a tronchi a due ganasce

Le pinze per tronchi a due ganasce sono concepite per assicurare una presa a chiusura sincrona.

Esse sono azionate da un cilindro a doppio effetto, dotato di valvola di sicurezza concepita per impedire l’apertura accidentale della pinza, cosa che può aver luogo, occasionalmente, in caso ad esempio di improvvisi cali di pressione.

Le braccia delle pinze godono di una curvatura studiata per garantire il massimo carico e si chiudono una all’interno dell’altra. Questo meccanismo di chiusura garantisce una presa salda non solo su tronchi grossi, ma anche su tronchi di diametro minimo.

Ecco perché sono particolarmente utilizzate per la raccolta e lo smaltimento di ramaglia.

Questa pinza consente, proprio per via del modo in cui opera, una presa, una movimentazione e il successivo scarico della legna anche molto lunga che, diversamente, rischierebbe di cadere dalle pinze.

Pinze per tronchi con acciaio anti-snervamento

Le pinze per tronchi per escavatori per usi agricoli, forestali ed industriali, anche spesso utilizzate per lavorazioni e movimentazioni in vivai e grandi giardini, possono essere destinate ad essere imperniate altresì su una struttura semplice e leggera.

In questo caso, le pinze per tronchi per escavatori diventano un accessorio meno costoso e sicuramente più versatile rispetto a quello prima passato in rassegna.

Le pinze per tronchi con acciaio anti-snervamento hanno una potenza minore rispetto a quelle concepite per movimentare rocce e grossi tronchi, tuttavia, si rivelano il massimo per chi è chiamato ad utilizzarli e quindi destinarli a caricatori agricoli, caricaletame e gru da camion per giardinaggio. Sono prodotti molto duttili rivolti non tanto in campo forestale, essendo piuttosto concepiti per l’attività compiuta da giardinieri, agricoltori, piccole imprese di giardinaggio e privati che, con mezzi idonei e senza improvvisare abbiano necessità di provvedere allo smaltimento di materiale.

Questa pinza può essere con punte libere, senza lama.

Pinza per scarti vegetali

Le pinze per tronchi per escavatori sono attrezzature studiate specificatamente per il carico e per la movimentazione massiva di una grande quantità di materiali organici.

Esse sono dotate di una eccellente e impareggiabile capacità di penetrazione.

Le lame godono di una grande apertura e di una incredibile forza di serraggio.

Questo accessorio è, quindi, ideale per tutti gli operatori professionali che sono chiamati per lavoro a gestire una grande quantità di materiale sfuso.

Queste pinze devono essere montate sul braccio della macchina operatrice tramite uno snodo cardanico di sospensione in modo che sia sempre permessa l’oscillazione dell’attrezzatura in senso sia longitudinale che trasversale.

Le macchine sulle quali sono montate queste pinze possono essere gru da camion, escavatori, gru fissa e macchine da movimento terra.

Pinze con valve che si intrecciano

Le pinze per tronchi per escavatori possono godere di un potente cilindro che agisce su due ganasce realizzate con lunghe costole metalliche che si intersecano in fase di chiusura.

Questa caratteristica rende questo strumento da lavoro particolarmente adatto alla movimentazione di rifiuti accatastati alla rinfusa, ramaglie.

Trattasi di uno strumento chiamato ad operare in condizioni davvero infelici dal punto di vista meteorologico: ecco perché è bene assicurarsi, al momento dell’acquisto di queste pinze per tronchi, che le parti soggette ad usura siano facilmente accessibili e sostituibili con rapidità.

Tutte le componenti – quindi tutte le parti che entrano in contatto con i materiali da movimentare, come le lame delle benne e le valve dei polipi e i perni – devono dunque essere anti-usura e realizzati con acciai speciali e sottoposti a un trattamento termico di indurimento.

Pinze per tronchi: la gamma completa per gru da camion ed escavatori

Chiunque abbia necessità di utilizzare escavatori per attività industriali, agricole o forestali, ma anche per lavorazioni e movimentazioni in vivai e grandi giardini, gode oggi, in conclusione, di una gamma davvero vasta di pinze per tronchi da montare su gru da camion ed escavatori.

Ecco più nello specifico i prodotti disponibili in commercio:

  • Pinza per tronchi a cilindro orizzontale compatta
  • Pinza tronchi per lavori forestazione industriale
  • Forca per usi agricoli e per manutenzione aree verdi
  • Pinza idraulica per riciclaggio con valve che si intrecciano
  • Forca idraulica multiuso

Non resta che scegliere in base alle proprie necessità … puntando, ovviamente, su prodotti tecnologicamente avanzati, performanti, facili da usare e che si collocano ai vertici della produzione per le caratteristiche di resistenza, potenza ed affidabilità.

Related Posts

Come riciclare la carta?

Emissioni in atmosfera, come comportarsi?

Riscaldamento ed ecologia, è possibile fare una scelta efficace?

Bomboniere fai da te, il bello del risparmio

Riciclo creativo di bottiglie di plastica

Perché è importante bonificare l’amianto e quanto costa