Il tema relativo agli sprechi è una priorità crescente per il nostro mondo, specialmente quando si tratta di materiali che provengono da risorse preziose, come la carta. Le soluzioni adottate da un gran numero di industrie è il riciclo e anche i consumatori non disdegnano l’idea: anche al supermercato compaiono infatti le prime confezioni di consumabili in carta riciclata, un passo importante per la sostenibilità compiuto in parte grazie a un’etica in espansione alla cultura della raccolta differenziata.

Ma la scelta di ridurre i consumi non riguarda solamente il privato: le aziende hanno un ruolo altrettanto importante. In particolare, il primo passo verso una filosofia sostenibile va compiuto dal settore Ho.Re.Ca, (hotel, ristoranti, bar) che, in base al livello di frequenza, ospitano clienti tutti i giorni. Nei bagni di attività simili è ancora possibile trovare dei dispenser di carta asciugamani o igienica, sebbene risulti più economico e conveniente anche in altri termini (es. igiene, tempo, pulizia) ricorrere all’uso dell’elettricità piuttosto che della carta.

Tipologie di asciugamani elettrici in commercio

Fortunatamente oggigiorno sono tantissime le attività che hanno deciso di sostituire i distributori di carta con prodotti differenti, come gli asciugamani elettrici. In particolare, distinguiamo:

  • asciugamani elettrici ad aria calda: si collocano in una fascia più economica della propria categoria ma consentono comunque di garantire un’asciugatura rapida dopo aver premuto un pulsante o posto le mani sotto il dispositivo, dove sono installati i sensori
  • asciugamani elettrici a lama d’aria: ancora più performanti, questi dispositivi consentono di inserire le mani all’interno attivando un sensore (fotocellula) che emette un getto d’aria in base alla potenza del motore; sono generalmente dotati di vaschetta di raccolta per evitare che gli schizzi d’acqua finiscano per bagnare il pavimento

Una scelta che riduce gli sprechi e offre altri benefici

I servizi igienici di moltissime attività commerciali hanno effettuato questa scelta per ottimizzare non solo i costi, evitando il continuo acquisto di carta asciugamani, ma anche le pulizie degli ambienti. In questo modo, i bagni pubblici richiedono minore manutenzione e l’igiene viene mantenuta più a lungo. Basti pensare alle problematiche che si creano di per sé con la carta igienica, quando i cestini sono sovraccarichi o alcuni clienti, per inciviltà, sporcano il pavimento. Ridurre la presenza di carta è indubbiamente la scelta ideale per evitare che situazioni simili possano verificarsi.

I dispenser asciugamani di carta possono ancora avere senso all’interno di bagni poco frequentati, dove non si è intenzionati ad effettuare un piccolo investimento legato all’acquisto di asciugamani elettrici. Il futuro, però, probabilmente rimane quello che unisce tecnologia ed elettricità per risparmiare uno dei materiali più preziosi, incrementare l’igiene e offrire una soluzione pratica e facile da utilizzare.

I modelli più recenti di asciugamani elettrici in commercio sfruttano tecnologie di ultima generazione per ridurre i consumi elettrici, velocizzare l’asciugatura e resistere all’usura. I design curati nei minimi dettagli ben si sposano con uno stile moderno ed è possibile scegliere fra articoli in ABS o in acciaio inox. Tutti ormai sono dotati inoltre di sistemi innovativi a prova di vandalismo.

Related Posts

Fazzoletti: meglio di carta o di stoffa?

Il Samsung Galaxy S8 è il primo smartphone ecologico

Piastre per capelli, rasoi elettrici, fornetti, minipimer: come riciclare i piccoli elettrodomestici

Trovare lavoro sfruttando il riciclo creativo

Problema ambientale: alberi sulle strade removibili con pinze per tronchi

Come riciclare la carta?