Chi possiede un orto, un giardino o anche semplicemente un angolo fiorito sul balcone di casa, sa che il proprio “spazio verde” ha bisogno di cure quasi quotidiane per mantenerlo in buona salute. Malattie delle piante e insetti nocivi rischiano di vanificare gli sforzi di ogni appassionato di giardinaggio trasformando il nostro piccolo paradiso in una specie di incubo.

Uno degli errori più comuni è quello di eccedere nella prevenzione tentando di difendere il prato o le piante facendo un uso sconsiderato di prodotti chimici o adottando soluzioni poco ponderate che rischiano di rivelarsi un danno ambientale e, tra l’altro, di non risolvere appieno il problema. Del resto, dedicarsi al giardinaggio, dovrebbe significare anche porsi come obiettivo quello della difesa consapevole dell’ambiente che ci circonda e non contribuire, anche se in piccola parte, al suo degrado.

Sono tante le soluzioni che si possono adottare per aver cura del proprio verde e che siano anche ecosostenibili. Basta avere un po’ di fantasia e fare qualche ricerca che ci aiuti a individuare con precisione il problema e adottare le giuste strategie per risolverlo.

Difendersi da malattie e insetti

Tra le malattie più comuni delle piante ci sono le peronospore e le ruggini – che si possono prevenire utilizzando irrorazioni di soluzioni ramate a diverse percentuali (tra l’1 e il 4%) –  mentre gli insetti più pericolosi e maggiormente diffusi sono le cocciniglie, gli afidi e le lumache. Contro di loro ci si può fare aiutare da altri insetti, come ad esempio la coccinella, che si nutre di afidi e formiche, oppure provare ad utilizzare aglio triturato e mischiato con olio minerale, acqua e sapone biodegradabile per creare una miscela mortale per la maggior parte di insetti e parassiti.

Taglio del prato

Chi ha la fortuna di avere un giardino, grande o piccolo che sia, sa di dover affrontare il problema della rasatura del prato. Tra le soluzioni maggiormente apprezzate ed utilizzate oggi c’è quella che non prevede più la raccolta dei residui, che creano la difficoltà di dover essere smaltiti correttamente. Scegliendo ad esempio un tosaerba Mygrin.eu, oltre a rasare il prato, lo state anche concimando. Infatti i fili d’erba tagliati vengono frantumati e polverizzati all’interno della calotta per ricadere direttamente sul terreno, dove vengono presto riassorbiti per trasformarsi in ottimo fertilizzante.

Scelta delle piante
Grande attenzione va posta su quali e quante piante utilizzare nel nostro giardino. In questa fase è bene non lasciarsi prendere dalla frenesia ma scegliere con cura quelle più adatte al terreno che si ha a disposizione e quelle che hanno maggiore possibilità di vivere alle condizioni del clima del posto in cui vi trovate. Se si ha abbastanza spazio, prendersi cura di piccoli alberi da frutto può essere una grande soddisfazione per un appassionato. Così come i rampicanti sono un’ottima soluzione, anche facilmente gestibile, per creare pareti verdi all’interno del giardino. L’importante, soprattutto se si è all’inizio, è orientarsi verso le piante più resistenti e facili da curare per passare, dopo un po’ di pratica, a qualcosa di più impegnativo.

Related Posts

Come eseguire lo smaltimento dei calcinacci

Pellet all’ingrosso: guida all’acquisto prestagionale

Smaltimento rifiuti speciali

Offerte gas: previsti aumenti in bolletta per il 2018

L’antifurto più affidabile sul mercato in questo momento (2017)

Installazione impianto allarme: iva agevolata e detrazioni